ilsilenziodopolamusica

823500:

nessunonotai-det-tagli:

uraganoincercadipace:

lucyndaprice:

music-love-poetry:

scappoericominciodacapo:

ilragazzodalloceanodi224km:

laragazzacongliocchivuoti:

idreamingchicago:

Oh dio io piango

ilragazzodalloceanodi224km
Vinceremo anche noi.
laragazzacongliocchivuoti

L’ho ritrovato! Oddio, piango. Diocristo quanto sono carini.

Siete veramente belli.

Reblog infinito!

REBLOG A VITA.
😍😍😍

Ho pianto,dio

Dadii

Via ilsilenziodopolamusica
samuel-hs
Rabbia, calore, paura, confusione. Cosa mi logora? Dove sono? Perché il mio corpo e i miei pensieri sono intrappolati? Chiusi e accarezzati da una densa nebbia del colore dell’arcobaleno dei miei timori. Perché non essere normale e, magari a mio modo, particolare? Il calore parte dal petto, come acido nelle vene mi ustiona l’anima, come veleno, passa per tutto il mio corpo. Il mio respiro si fa denso come acqua in un mondo di aria, come ferro in un vulcano. Come paura nell’oblio, la mia mente si perde ma subito si crea una nuova strada, la sua nuova sopravvivenza. Urlo. La realtà ritorna assieme a un sapore di amaro conforto e disprezzo, di una ossimorica purezza mista ad una stravagante combattività di sospetto e repulsione nei miei confronti ed interessi. Aria. Pura, fresca, nei polmoni e nella mente. La paura ripiega, il panico torna nell’ombra. Il sangue vive, la speranza sboccia e la fiducia la nutre, il polline si deposita sul suo sentiero, le da una meta, una verità. La confusione diventa ordine, l’oblio una mappa e la tranquillità regna semplicemente su una assenza di oscurità e una vittoria di controllo in un solo atomo di brillante nulla e assoluto contrasto in una notte che non lascia spazio bensì, che essa stessa diventi ciò che la fa esistere e lasciare a un momento di differente caoticità un ordine assolutamente soggettivo.
Un’alba di puro coraggio.
Me stesso (via samuel-hs)

Via @samuel-hs